Un generatore di energia solare sviluppato in Israele sarà inviato dalla NASA nello spazio

generatore energia solare Israele inviato NASA spazio

Il prototipo di un generatore di energia solare miniaturizzato sviluppato in Israele sarà inviato dalla NASA alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nel suo primo lancio del 2020.

Il generatore di energia solare è stato progettato dal professore emerito Jeffrey Gordon dell’Università Ben-Gurion del Negev (BGU), insieme ai suoi colleghi statunitensi della Pennsylvania State University, University of Illinois, George Washington University, US Naval Research Laboratory, H -NU Systems e Northwestern University.

La sua progettazione e verifica, come si legge in un comunicato pubblicato dall’Università Ben Gurion, sono state pubblicate sulla rivista Optics Express.

Il generatore di energia solare

Il prototipo della BGU è un concentratore solare compatto, a bassa massa, in vetro stampato, legato ad un’integrazione monolitica di celle solari su microscala stampate a trasferimento. Ognuna di queste celle solari comprende diversi materiali che insieme “possono sfruttare efficacemente la maggior parte dello spettro solare”.

La ” particolarità” del prototipo è la sua tolleranza ottica per compensare gli errori di puntamento verso il sole, le vibrazioni strutturali e la distorsione termica, fornendo al contempo una potenza specifica senza precedenti.

Il prototipo di prima generazione ha uno spessore inferiore a 1,7 mm con celle solari di soli 0,65 mm per lato.

In fase di progettazione una seconda produzione

Una seconda produzione, che può aumentare ulteriormente la potenza effettiva, è in fase di progettazione da parte dello stesso team presso gli US Naval Research Labs.

Sono in fase di progettazione i futuri prototipi per iniziative spaziali private e per le agenzie spaziali che perseguono nuove missioni che richiedono un’elevata potenza per la propulsione elettrica e per operazioni nello spazio profondo (come le missioni a Giove e Saturno).

La ricerca del Prof. Gordon è finanziata da una borsa di studio del Ministero israeliano della scienza, della tecnologia e dello spazio.

RetweeTech