Technion: Uno studio per predire con certezza la formazione di metastasi

technion-uno-studio-per-predire-con-certezza-la-formazione-di-metastasi

Technion: Uno studio per predire con certezza la formazione di metastasi. Daphne Weihs della Facoltà di Ingegneria Biomedica del Technion di Haifa ha sviluppato un metodo per la stima potenziale delle metastasi dei tumori. Dal momento che il 90% delle morti per cancro sono dovute a metastasi, la loro precoce previsione può migliorare le possibilità di sopravvivenza del paziente.

Una ricerca consentirà una precoce e rapida previsione della formazione di metastasi. Tali informazioni permetteranno ai medici di effettuare un trattamento di queste metastasi nelle loro prime fasi di formazione, migliorando in tal modo le possibilità di sopravvivenza del paziente.

L’approccio di cui sopra, presentato nel 2013 e il cui sviluppo è continuato in diverse direzioni, da allora, è presentato in tre articoli pubblicati di recente dall’Assistant Professor Daphne Weihs la quale sta studiando le forze meccaniche esercitate dalle cellule metastatiche sui tessuti del corpo.

Lo studio è stato condotto utilizzando superfici gel prodotti in laboratorio (quindi sintetici) che simulano la rigidità dei tessuti molli del corpo. L’obiettivo è quello di quantificare il rischio potenziale delle cellule tumorali di sviluppare cellule metastatiche utilizzando le interazioni meccaniche delle cellule con il gel in modo rapido.

Contrariamente al trattamento contro i tumori primari, che ora è eseguito in modo molto efficiente, il trattamento delle metastasi è complesso e impegnativo. Queste metastasi si diffondo nel corpo attraverso il sistema linfatico e i vasi sanguigni, ed è difficile identificarli nelle fasi iniziali dello sviluppo. Quando vengono identificate, di solito è ormai troppo tardi perché diffuse in tutto il corpo. Questo è il motivo per cui le metastasi sono responsabili del 90% delle morti causate dal cancro.

Negli ultimi decenni, sono stati sviluppati diversi metodi per identificare il potenziale metastatico delle cellule, basato principalmente su marcatori genetici e biologici. Lo svantaggio di queste misure è che sono costose, richiedono molto tempo e non sono applicabili a tumori come il cancro al pancreas, per i quali non sono ancora stati determinati indicatori di identificazione. Infatti, fino ad oggi, nessun metodo è stato presentato come efficace, preciso e abbastanza generale per quantificare il potenziale metastatico, un passo essenziale per predire la formazione di metastasi.

Nella sua ricerca, Professor Weihs ha scoperto che i cambiamenti nella struttura della cellula e nella sua capacità di esercitare una forza meccanica, possono fornire informazioni essenziali in modo preciso e quantitativo. Questo metodo, che è indipendente dalle specifiche genetiche del tumore, consente di una misurazione più rapida e adatta al paziente.

Il nostro obiettivo pratico è quello di sviluppare un sistema che, durante una biopsia o un intervento chirurgico, consentirà all’equipe medica di valutare la probabilità della presenza di metastasi tumorali in altri organi e stimare quali organi possano essere coinvolti.

Come detto, questo è un test molto breve, tale che entro due o tre ore i medici saranno in grado di valutare il rischio metastatico del tumore e regolare di conseguenza il trattamento.

Commenti

commentaire(s) jusqu’à présent. Ajouter le votre...

Abonnez-vous à notre newsletter