Innovazione medica: da Israele un pancreas bioartificiale

Innovazione medica: Da Israele un pancreas bioartificiale. Mentre gli scienziati fanno a gara per trovare modi per migliorare il corpo umano attraverso organi bioartificiali, uno dei primi progressi rivoluzionari è il pancreas, sviluppato nel 2015 da un gruppo di ricercatori israeliani dell’Università Ebraica di Gerusalemme con una startup di Ramat Gan. I test sono ancora in fase di sperimentazione ma si tratta comunque di una innovazione che in qualche modo rivoluzionerà il mondo medico.

Questo il commento che il Prof. Eduardo Mitrani, a capo del team di ricerca, ha rilasciato al The Times Of Israel:

Il nostro pancreas bioartificiale è per i casi più estremi di diabete. Il bio-pancreas può essere inserito praticamente in qualsiasi parte del corpo. Può secernere insulina, di cui il corpo ha bisogno, eliminando la necessità di misurare i livelli di zucchero nel sangue.

Per i pazienti diabetici è estremamente difficile ottenere un buon controllo costante dei livelli di glucosio. Alcuni ricercatori negli anni hanno tentato di superare questo problema autotrapiantando le cellule pancreatiche nella speranza che fossero in grado di far ripartire l’organo in pazienti con casi estremi di diabete. Ma, spiega Mitrani, il problema con questo approccio è che oggi la maggior parte di queste cellule trapiantate muore entro due giorni dal trapianto, quindi il 50% dei pazienti sono ancora insulino-dipendenti un anno dopo il trapianto.

pancreas-bioartificiale

Mitrani e la startup biotecnologica Betalin Therapeutics, stanno cercando un altro approccio, basato sulla premessa che, al fine di far funzionare correttamente le cellule, è necessario prevedere un adeguato tessuto connettivo che assicuri la sopravvivenza a lungo termine e il corretto funzionamento delle cellule.

La tecnologia è in fase di sperimentazione in diversi studi in Israele e la società ha come obiettivo la ricezione dell’approvazione da parte della Food And Drug Administration statunitense e dalla sua controparte canadese Health Canada al fine di avviare studi clinici in questi due paesi. Se tutto va bene, un pancreas artificiale potrebbe essere sul mercato tra qualche anno.

RetweeTech