IBM sceglie israeliana MedyMatch per collaborazione su intelligenza artificiale per scopi medici

IBM sceglie israeliana MedyMatch per collaborazione su intelligenza artificiale per scopi medici. La startup israeliana MedyMatch ha raggiunto un accordo di licenza quinquennale con IBM Watson Health che consentirà alla branca che si occupa di intelligenza artificiale del gigante degli Stati Uniti, di commercializzare la tecnologia israeliana insieme ai suoi altri servizi.

MedyMatch si propone di introdurre degli strumenti innovativi per il flusso di lavoro quotidiano nei pronto soccorso. La startup ha sviluppato un software di intelligenza artificiale che mira ad essere più preciso dell’occhio umano e che aiuta i medici a valutare in modo più rapido i pazienti con sospetto trauma cranico o ictus.

startup-medymatch-a-lavoro

L’IBM Watson Health utilizza l’intelligenza artificiale per aiutare i medici e gli ospedali a diagnosticare e a curare le malattie. La società ha ora intenzione di integrare il prodotto MedyMatch nei servizi che offre agli ospedali a livello globale, utilizzando il marchio Watson.

Il software sarà offerto agli esperti che lavorano nel pronto soccorso degli ospedali e di altri ambiti di cura per aiutarli a identificare i casi di emorragia intracranica a seguito di trauma cranico e ictus.

L’accordo di collaborazione dovrebbe generare diversi milioni di dollari di ricavi per MedyMatch nei prossimi cinque anni, ha detto Michael Rosenberg, direttore commerciale e finanziario della società.

Il primo prodotto di MedyMatch dovrebbe essere disponibile in commercio alla fine di quest’anno.

L’algoritmo MedyMatch utilizza una sofisticata tecnologia di apprendimento artificiale dei dati del paziente con, in aggiunta, gli approfondimenti clinici per evidenziare automaticamente la potenziale presenza di emorragie cerebrali. In questi casi, ogni minuto che passa significa la morte di milioni di cellule cerebrali, quindi una diagnosi rapida è essenziale.

medymatch

Con questa tecnologia israeliana vengono impostati i parametri di riferimento per quello che è considerata una lettura di base. Successivamente, una serie di immagini vengono caricato al computer e la macchina determina se ad esempio un sanguinamento presente somiglia a quelle immagini. In altri termini come spiega Rosenberg “si allena il computer, con l’aiuto di esempi, a leggere le immagini da solo”.

MedyMatch ha milioni di immagini provenienti da tantissimi casi tramite le collaborazioni con ospedali israeliani e negli Stati Uniti, tra cui l’Hadassah Medical Center di Gerusalemme e il Massachusetts General Hospital di Boston.

RetweeTech