Università Ebraica: scoperto un nuovo metodo per aumentare la fertilità nelle donne

Università Ebraica Gerusalemme scoperta nuovo metodo aumentare fertilità donne

Ricercatori genetici dell’Università Ebraica di Gerusalemme hanno scoperto un metodo biologico che aumenta il periodo di fertilità nelle donne e ritarda l’invecchiamento delle ovaie, senza compromettere la loro funzione.

Gli scienziati israeliani sono fiduciosi che questa scoperta possa portare ad un modo per le donne di estendere la loro possibilità di fertilità e mantenere un’alta qualità delle ovaie nella fascia di età che va dai 30 ai 40 anni.

La scoperta dei ricercatori

Gli scienziati dell’Università Ebraica prof. Yonatan Tzur e Hanna Achache, insieme al team del Tzur Lab e ad un associato della Harvard Medical School, hanno studiato la maturazione delle ovaie nei nematodi (chiamati anche vermi cilindrici) e hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista scientifica Genetics.

I ricercatori hanno scelto questi piccoli vermi in quanto sono utili per far luce sulla genetica umana. I nematodi contengono lo stesso numero di geni degli umani e le loro uova maturano in circa un giorno.

fertilità donne Università Ebraica Gerusalemme scoperta metodo aumentare

I risultati della ricerca

Il prof. Tzur e il suo team hanno monitorato i cambiamenti in ciascuno dei 20.000 geni del verme durante la formazione delle ovuli e sono stati in grado di individuare un gene esatto (ogr-2) che controlla il ritmo di maturazione degli ovuli. Approfondendo ulteriormente, il team ha studiato il MAP Kinase (“MAPK”), l’interruttore biochimico che attiva e disattiva lo sviluppo delle uova.

Quando hanno rimosso il gene ogr-2 con la tecnologia di modifica del gene CRISPR, il MAPK è aumentato e le ovaie dei vermi sono invecchiate molto rapidamente.

A Israele 21c, il prof. Tzur ha spiegato:

“Abbiamo testato il ruolo del gene rimuovendolo dalla sequenza genetica del verme. Immediatamente, questi vermi ‘modificati’ sono diventati meno fertili e le loro uova assomigliavano più da vicino a quelle di un verme più vecchio”.

Questi risultati sono significativi perché l’invecchiamento delle cellule uovo è la principale causa di difetti alla nascita, aborti spontanei e infertilità. Le ovaie umane invecchiando causano lo sviluppo di anomalie.

Fecondazione in vitro

Mentre la fecondazione in vitro (FIV) consente ai medici di selezionare le uova migliori, le donne di età superiore ai 35 anni hanno meno possibilità di produrre naturalmente un bambino sano con le proprie uova. Per le donne di età pari o superiore a 42 anni, queste possibilità sono vicine allo zero.

Trovare la chiave per rallentare la maturazione delle uova è cruciale e ha spinto scienziati come il prof. Yonatan Tzur a scoprire i meccanismi che controllano lo sviluppo ovarico e l’invecchiamento degli ovociti.

RetweeTech