Università di Tel Aviv: uno smartwatch in grado di autenticare le firme scritte a mano

Università di Tel Aviv: Uno smartwatch in grado di autenticare le firme scritte a mano. Alona Levy, una studentessa di master presso la facoltà di Ingegneria Industriale dell’Università di Tel Aviv, sotto la direzione del Dott. Erez Shmueli ed in collaborazione con il Prof. Yuval Alovitz dell’Università Ben Gurion ed il suo dottorando Ben Nassi, ha sviluppato un software che permette agli smartwatch (orologi intelligenti di ultima generazione) di verificare l’autenticità della firma autografa di chi li indossa.

Al giorno d’oggi, la firma digitale su una piattaforma oppure l’utilizzo di una penna elettronica sta progressivamente sostituendo la tradizionale firma scritta a mano, tuttavia questi nuovi metodi non possono essere utilizzati in caso di contratti, assegni, ricevute e altri documenti ufficiali. In questi tempi il problema rimane la falsificazione. Il nuovo software sarà in grado di trasformare qualsiasi smartwatch in un autenticatore in tempo reale di firme scritte a mano.

smartwatch-verifica-firma

Secondo i ricercatori israeliani, un utente su sei già utilizza uno smartwatch ed il mercato dovrebbe raggiungere 373 milioni di dispositivi nel 2020.

L’orologio intelligente è quindi un supporto pratico e disponibile per il nuovo software.

Questa nuova tecnologia è stata testata con successo su 66 studenti dell’Università di Tel Aviv, ai quali è stato chiesto di fornire 15 campioni della propria firma personale su un tablet Samsung, utilizzando la penna digitale e indossando al polso un dispositivo Microsoft.

I team di ricerca ha presentato agli studenti una serie di firme di altri volontari chiedendo loro di provare a falsificarle. I risultati sono stati incoraggianti, sia nel caso del tentativo di falsificazione, sia nel caso del tentativo di copiare liberamente un’altra firma e sia nel caso di scrivere un nome di fantasia al posto del nome reale.

Il software, basato su algoritmi di apprendimento automatico sviluppati dal team di ricercatori, utilizza i dati relativi ai movimenti del polso rilevati dai sensori dell’orologio durante il processo di firma ed impara a distinguere tra firme autentiche e firme false.

L’utilizzo di un dispositivo indossabile, come nel caso dello smartwatch, ha il vantaggio rispetto ad altri dispositivi di misurare i movimenti interi del polso e non solo le dita.

Recenti studi avevano già esaminato la possibilità di utilizzare dei dati di movimento per identificare gli utenti, ma questo è il primo caso di applicazione di questa opzione per le firme scritte a mano.

I ricercatori hanno depositato una domanda di brevetto su questo software.

Photo Credit | Les ami français de l’Université de Tel Aviv

RetweeTech