Technion: nuovo studio sulla modifica dei geni per ridurre le malattie cardiache mortali

Technion Israele studio geni ridurre malattie cardiache mortali

Perché le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte in tutto il mondo?

Secondo un professore del Technion di Haifa, le malattie cardiovascolari stanno aumentando perché i trattamenti che affrontano le cause comuni delle malattie cardiache – ipertensione, valvole che perdono e altro – prolungano la vita per un certo periodo, ma non affrontano la causa principale della malattia.

Lo studio del professor Izhak Kehat

Il professor Izhak Kehat, che è anche cardiologo senior presso il Rambam Medical Center, sta considerando l’idea di modificare i geni per riparare l’insufficienza cardiaca.

Il laboratorio del prof. Kehat, Laboratorio di ricerca sul sistema cardiovascolare molecolare all’interno della Facoltà di Medicina Ruth e Bruce Rappaport del Technion, si concentra sui meccanismi molecolari responsabili dell’allargamento anormale del cuore durante l’insufficienza cardiaca, con l’obiettivo di tradurre i risultati in terapie all’avanguardia che potrebbero ridurre i decessi correlati alle malattie cardiache.

Le cellule cardiache

Nel corso di una conferenza a Boston, il prof. Kehat ha spiegato che ognuno dei nostri miliardi di cellule cardiache comprende 600 motori che si espandono e si contraggono per aiutare a pompare il sangue, eppure questi motori hanno una durata di vita di circa una sola settimana.

La ricerca del prof. Kehat esamina come le cellule ricostruiscono continuamente questi motori e come il corpo genera parti di ricambio al momento giusto e nella giusta quantità di cui ogni cellula ha bisogno.

Le cellule producono grandi quantità di pezzi che permettono ai loro motori di funzionare, e tutto ciò che non viene utilizzato viene consumato dal sistema, dopo di che il corpo ricomincia il processo.

Come si verifica l’insufficienza cardiaca

Quando le cellule cardiache devono lavorare di più e devono produrre nuovi motori, l’offerta non corrisponde alla domanda e si verificano malfunzionamenti dei motori, con conseguente insufficienza cardiaca.

Il motivo per cui questo avviene, a livello genetico, è oggetto della ricerca del professore Kehat.

Secondo l’American Heart Association, il totale annuo a livello mondiale di 17,3 milioni di decessi causati da malattie cardiovascolari salirà a oltre 23,6 milioni entro il 2030.

RetweeTech