Technion e Università di New York scoprono nuovo metodo per bloccare il mesotelioma

Technion e Università di New York scoprono nuovo metodo per bloccare il mesotelioma

Ricercatori israeliani del Technion di Haifa, in collaborazione con i colleghi del Centro medico Langone di New York, hanno scoperto un nuovo metodo per fermare la crescita del mesotelioma negli animali inibendo l’enzima eparanasi.

Il mesotelioma è un tumore che si sviluppa nel mesotelio, una sottile membrana che protegge gli organi interni del torace e dell’addome. Nella maggior parte dei casi, la malattia è causata dall’esposizione all’amianto.

Questo tumore maligno è resistente alla maggior parte dei farmaci antitumorali e attualmente non esiste un trattamento efficace.

Il gruppo di ricerca congiunto, come spiega nello studio pubblicato sul Journal of National Cancer Institute (JNCI), ha scoperto che le cellule tumorali del mesotelioma utilizzano l’enzima eparanasi per rompere le barriere tissutali che circondano il tumore in via di sviluppo e attirare i vasi sanguigni per nutrirlo.

La disgregazione della matrice extracellulare causa il rilascio di proteine che favoriscono la crescita e quindi accelera lo sviluppo del tumore. L’eparanasi secreta dalle cellule tumorali e il microambiente del tumore innescano un circolo vizioso in cui infiammazione e crescita si rafforzano a vicenda. Maggiore è la quantità di eparanasi nel paziente affetto da mesotelioma, minore è la sua aspettativa di vita.

I ricercatori sono riusciti a interrompere questo ciclo facendo degli esperimenti sui topi, usando inibitori dell’eparanasi PG545 e defibrotide.

Gli inibitori dell’eparanasi hanno bloccato significativamente la crescita del tumore e aumentato notevolmente la capacità di sopravvivenza dei topi. Il metodo innovativo è risultato più efficace della chemioterapia convenzionale utilizzata per trattare questo tipo di cancro.

Lo studio è stato condotto sotto la guida del prof. Israel Vlodavsky del Technion e del prof. Harvey Pass, capo del dipartimento di chirurgia toracica presso il Centro medico Langone della New York University e capo dell’oncologia toracica presso il National Cancer Institute.

RetweeTech