Startup sviluppa tecnologia di realtà virtuale e aumentata

Startup Israele realtà virtuale e aumentata

La startup israeliana Mixed Place, uno sviluppatore di tecnologie di realtà mista – in cui il contenuto digitale è inserito nel mondo fisico – sostiene che in futuro i turisti visiteranno antiche rovine accompagnati da una guida virtuale e vedranno colonne o anfiteatri come erano un tempo.

Lo stesso vale per lo shopping: i consumatori entrano nei negozi e vedono, invece delle vere scarpe sugli scaffali o vestiti su un manichino, prodotti virtuali in mostra e venditori virtuali per rispondere alle loro domande, quindi effettueranno un ordine e riceveranno il prodotto reale.

Alon Melchner, CEO di Mixed Place, come riporta il The Times of Israel, ha spiegato:

“Entro pochi anni la realtà mista diventerà la realtà dominante delle nostre vite e miliardi di persone la vivranno quotidianamente come una nuova routine”.

Tutto ciò che serve perché questo accada, ha detto inoltre Melchner, è che gli utenti possano usare i loro telefoni per vedere le immagini in 3D, cosa che possono fare oggi, oppure, nel prossimo futuro, utilizzare gli occhiali di realtà artificiale, le lenti a contatto e gli ologrammi che i giganti della tecnologia stanno sviluppando a livello globale.

Startup Israele tecnologia siliconwadi

Negli ultimi anni si è assistito ad una spinta nello sviluppo delle tecnologie di realtà virtuale (VR) e di realtà aumentata (AR). Il termine mixed reality (MR) integra sia VR che AR e unisce il mondo reale e quello virtuale, creando nuovi ambienti e immagini dove oggetti reali e digitali coesistono l’uno accanto all’altro e interagiscono in tempo reale.

Giganti tecnologici come Google, Apple, Apple, Facebook, Microsoft stanno riversando fondi e risorse in questi campi.

Cosa ci sarà in futuro

Secondo Melchner, Apple lancerà occhiali per realtà mista come mezzo per accedere ai contenuti digitali entro due o tre anni e porterà un “big bang” sul campo, con altre aziende che seguiranno la sua scia.

La startup israeliana sta lavorando allo sviluppo di una tecnologia di realtà mista, che definisce un’infrastruttura cloud AR, che mappa e “comprende” lo spazio fisico, consentendo ai negozi e agli operatori dei siti turistici, ad esempio, di creare facilmente e rapidamente contenuti digitali, come guide turistiche virtuali, venditori e prodotti.

RetweeTech