Startup sviluppa particelle antimicrobiche che evitano la formazione della carie

Startup sviluppa particelle antimicrobiche che evitano la formazione della carie

Le malattie infettive causate dai batteri rappresentano il 15% dei decessi a livello mondiale. La startup Nobio Ltd. ha sviluppato delle particelle che uccidono i germi presenti sulle superfici. Questa nuova tecnologia sta per essere impiegata nel settore odontoiatrico.

Il nucleo dell’innovativa tecnologia è costituito da particelle estremamente potenti che sono coperte da un’alta concentrazione di strutture antimicrobiche attive che uccidono i batteri al solo contatto.

Le particelle Nobio possono essere incorporate in modo permanente in molti prodotti e materiali per inibire la formazione del biofilm, una sottile pellicola di microrganismi che può formarsi su qualsiasi superficie.

I batteri nel biofilm sono da 500 a 5000 volte più resistenti ai disinfettanti, agli antibiotici e al nostro sistema immunitario.

La placca dentale è un esempio di biofilm e la carie è l’infezione cronica più comune al mondo. Le otturazioni dentarie sono molto popolari ma falliscono principalmente perché si formano nuove carie ai margini della ricostruzione.

La startup Nobio, con sede a Petah Tikva in Israele e fondata nel 2015, sta realizzando dei materiali utili ai dentisti in cui sono incorporate le particelle sviluppate dalla stessa società.

Le particelle antimicrobiche possono essere incorporate in vari prodotti e materiali, come lenti a contatto, cateteri, otturazioni per denti e impianti.

Quando i batteri si avvicinano alla superficie, le particelle esercitano forze elettrostatiche fortemente attraenti. A contatto con le particelle, le membrane dei batteri vengono danneggiate, causandone la morte.

Queste particelle non sono solubili, sono incorporate nel materiale in modo permanente, non tossiche e altamente efficaci.

L’innovativa tecnologia ha l’obiettivo di prevenire la contaminazione dei dispositivi medici definitivamente. L’azienda israeliana ha già sviluppato una linea di prodotti odontoiatrici, che contengono biossido di silicio con ammonio quaternario (QA) legati in modo covalente alla superficie, così da ridurre il numero di batteri che possono rimanere nella cavità.

Nobio, come riporta il Times of Israel, intende richiedere l’approvazione della Food and Drug Administration (FDA) per i suoi primi prodotti entro la fine di agosto.

RetweeTech