Startup israeliana metterà fine a iniezioni di insulina

I pazienti diabetici devono affrontare molti disagi nella loro vita quotidiana, tra cui una dipendenza dalle iniezioni di insulina. Betalin Therapeutics mira a cambiare questo paradigma – vuole trovare una cura con l’aiuto dell’ingegneria tessutale.

L’idea alla base della nuova soluzione è nata nei laboratori del Prof. Eduardo Mitrani presso l’Università Ebraica di Gerusalemme.

Ci sono due tipi di diabete. Il tipo 1, noto anche come diabete giovanile, è una malattia autoimmune, il che significa che il sistema immunitario attacca le cellule beta del pancreas, che forniscono l’insulina. Il diabete di tipo 2 è una resistenza all’insulina, causata soprattutto dallo stile di vita occidentale moderno. In entrambi i casi, i pazienti richiedono una fonte esterna di iniezioni di insulina regolari.

Come spiega il Prof. Moni Heuser, VP del progetto, è qui che si inserisce l’idea della Betalin Therapeutics la quale ha sviluppato un trapianto di micro-tessuti che potrebbe migliorare sensibilmente la vita dei pazienti affetti da diabete.

A tal fine, usiamo il tessuto naturale prelevato da un donatore, che abbiamo tagliato a fette microscopiche, e solo allora vengono impiantate le cellule. Tale tessuto viene poi trapiantato nel paziente, e quindi viene assorbito.

Il processo di creazione di nuove cellule comincia 48 ore dopo il trapianto. La soluzione di Betalin si distingue per la produzione del micro-tessuto, infatti esso subisce un processo particolare. La tecnologia è stata concessa in licenza in virtù di un accordo di esclusiva mondiale con la Yassum, la società di trasferimento tecnologico dell’Università Ebraica di Gerusalemme.

Betalin è attualmente in fase pre-clinica e in attesa di ulteriori risultati.

Commenta Heuser:

Nei test effettuati in Israele, tutti i topi sono sopravvissuti mentre il gruppo di controllo, che non ha ricevuto il trattamento, è deceduto. Nel momento in cui il tessuto di micro-pancreas è stato rimosso, le cavie sono tornate ad essere diabetiche.

L’obiettivo a breve termine è quello di ricevere un finanziamento ed effettuare il primo trapianto negli esseri umani, che avverrà tra circa un anno e mezzo o due.

Commenti

commentaire(s) jusqu’à présent. Ajouter le votre...

Abonnez-vous à notre newsletter