Società israeliana sviluppa analgesico per il trattamento del dolore post-operatorio

Società israeliana sviluppa analgesico per il trattamento del dolore post-operatorio

La società israeliana PainReform sta sviluppando un nuovo farmaco per il trattamento del dolore post-operatorio.

L’analgesico PRF-110, basato sul rilascio ritardato del principio attivo nell’arco di 72 ore, è progettato per l’uso professionale negli ospedali, da somministrare a pazienti che si stanno riprendendo dopo un intervento chirurgico.

Il prodotto ha completato con successo i test pre-clinici e presto sarà dato il via agli studi della fase III che dovranno confermare se il farmaco può dare sollievo in caso di dolore post-chirurgico.

Sono pochissimi gli antidolorifici che raggiungono il livello degli studi di fase III, si tratta della fase in cui la sperimentazione clinica viene eseguita sull’uomo

A conclusione di questa fase, se il nuovo farmaco dimostra di avere un’efficacia sufficiente in rapporto agli eventuali rischi, viene richiesta la registrazione e l’autorizzazione alla commercializzazione.

Il prof. Eli Hazum, CEO di PainRreform con sede a Herzeliya, come riporta il Globes, ha spiegato:

“I farmaci esistenti funzionano solo per 4-6 ore, il dolore di solito persiste dopo questo periodo di tempo, quindi spesso ad un paziente viene somministrato un oppiaceo. Il nuovo farmaco di PainReform è progettato per fornire sollievo continuo per 72 ore senza esporre il paziente a dosaggi nocivi del principio attivo. Dopo 72 ore, il dolore è generalmente sopportabile ed è curabile con antidolorifici da banco”.

Gli oppiacei sono considerati farmaci discutibili perché creano dipendenza. Nonostante la dipendenza si manifesti di solito dopo un uso prolungato, i medici solitamente preferiscono evitare gli oppiacei laddove possibile.

L’analgesico PRF-110 aumenta la durata dell’azione di ropivacaina, un analgesico locale generico, nei casi di dolore post-chirurgico, consente una migliore mobilità ai pazienti, accelera il loro recupero e la loro dimissione ospedaliera.

RetweeTech