Il potere dei social network applicato agli eventi

Un nuovo modo di vivere le proprie passioni. Ecco come si potrebbe definire brevemente FanZone, la nuova piattaforma made in Israel che riunisce gli appassionati di musica e sport. Si tratta infatti di un social network riservato agli appassionati di sport e artisti musicali. Numerose le rubriche proposte, al fine di aumentare ad esempio la condivisione di notizie legate ad un artista o ad un calendario di eventi. Usando FanZone, sarà possibile accedere ad alcune offerte speciali o promozioni su determinati concerti o partite.

fanzone

 

Ori Shilo, Amministratore Delegato della giovane startup, afferma:

Il mercato dei grandi eventi dello sport e della musica è enorme. La nostra visione è quella di creare una piattaforma che comprenda un ampio ventaglio di servizi attorno all’evento stesso e che permettano di ridurre i costi complessivi.

FanZone è stata fondata nel 2014 da Shilo, ex direttore generale della Federazione israeliana di calcio, e da Tomer Kazaz portiere delle giovanili del Maccabi Netanya. Il calcio è stato il primo terreno di gioco della piattaforma tra i cui partner si annovera il campionato di calcio israeliano come anche la Champion inglese o quella tedesca. Si può diventare fan e seguire le news di numerosi club come il Maccabi Tel Aviv, Sheffield Wednesday o Schalke 04.

FanZone collabora anche con altre agenzie e organismi come la polizia o i trasporti pubblici al fine di migliorare la qualità dei servizi offerti tra i quali quello del car sharing ovvero condividere l’auto per raggiungere l’evento.

fanzone app

Dall’esordio, FanZone ha ricevuto circa 5 milioni di dollari con l’aiuto della Olive Tree Capital Ventures e 1,2 milioni dall’inizio del 2015. Inoltre, gli ideatori sono riusciti ad integrare la piattaforma con Microsoft Ventures Tel Aviv che offre supporto e sostegno finanziario, oltre che legale, alle startup che vi si uniscono. Pertanto, questa piccola azienda sta cercando di espandersi verso nuove aree. Ad esempio verso alcuni artisti che si sono esibiti in Israele come Robbie Williams o i Backstreet Boys. Per l’artista britannico, circa 7,000 spettatori hanno utilizzato l’applicazione.

Per ora, FanZone opera principalmente in Israele, Regno Unito, Grecia e Germania. Ma con il recente successo del fundraising, la piattaforma punta anche al mercato di Stati Uniti, Francia e Spagna. Come affermato da Shilo su Geektime:

È una piattaforma diversa da Moovit, Waze o altro, i quali sono specializzati in un unico servizio. Con FanZone l’evento è al centro della propria offerta ma vi sono anche numerosi servizi costruiti attorno.

RetweeTech