SenseGo: calzini intelligenti per salvare i piedi dei diabetici

Da Israele arrivano calzini e smartphone per salvare i piedi dei diabetici. In tutto il mondo circa 130 milioni di diabetici soffrono di neuropatia diabetica, una complicanza frequente del diabete che può causare danni al sistema nervoso periferico ed è associato allo sviluppo di ulcere del piede nei pazienti con questa malattia. Molti diabetici hanno una limitata sensazione nei piedi e quindi non sono consapevoli quando la pressione viene esercitata su una zona del piede per un periodo prolungato. A causa di una deformazione anatomica, una pressione eccessiva ed una scarsa irrorazione sanguigna, danneggia i nervi delle gambe e dei piedi.

La neuropatia diabetica è anche la principale causa di amputazione, che lascia molti diabetici portatori di handicap. Generalmente i pazienti diabetici sono incoraggiati ad effettuare controlli regolari per monitorare l’aumento della pressione e le eventuali ulcere. Tuttavia, queste vengono diagnosticate solo dopo la loro comparsa, il che significa che la guarigione richiede tempi lunghi.

Ma ora, una squadra israeliana di scienziati presso l’Università Ebraica di Gerusalemme sta lavorando ad una soluzione unica per risolvere questo problema.

Danny Bavli, ingegnere capo del gruppo, spiega:

Si tratta di un problema medico significativo che colpisce la vita di milioni di persone. Abbiamo pensato che ci deve pur essere un modo per evitare del tutto queste ferite.

Per affrontare questa sfida, Bavli in collaborazione con Sagi Frishman, il Dott. David Morgenstern, chirurgo ortopedico dell’Hadassah Medical Center e i membri del gruppo di BioDesign dell’Università Ebraica di Gerusalemme, hanno sviluppato SenseGO, un calzino lavabile in lavatrice contenente decine di sensori.

Con SenseGO, le variazioni di pressione dovute ad una postura scorretta oppure a delle deformazioni anatomiche, vengono registrate mediante segnali elettrici, i quali vengono ripresi da una applicazione per smartphone, che a sua volta informa il paziente dei rischi di sviluppo.

Secondo il Prof. Yaakov Nahmias, direttore del programma di BioDesign:

Questo è un classico approccio alla salute mediante dispositivo mobile. In questo modo si dona ai pazienti e alle loro famiglie gli strumenti di cui hanno bisogno per prevenire lo sviluppo di ulcere.

BioDesign: Medical Innovation, è una squadra multidisciplinare per l’innovazione medica guidata da Nahmias e dal Prof. Chaim Lotan dell’Hadassah Medical Center. Gli altri membri del team di BioDesign SenseGO includono Inbal Boxerman e Yael Hadar, studenti MBA presso l’Università Ebraica di Gerusalemme. Le innovazioni prodotte dai partecipanti al programma sono commercializzate da Yissum, la società di trasferimento tecnologico dell’Università Ebraica di Gerusalemme e da Hadasit, la società di trasferimento tecnologico dell’Hadassah Medical Center.

RetweeTech