Scienziati da Israele, Iran e Pakistan sviluppano acceleratore di particelle

Scienziati da Israele, Iran e Pakistan sviluppano acceleratore di particelle. Scienziati israeliani parteciperanno insieme ai colleghi provenienti da Pakistan, Iran, Egitto e Giordania ad un progetto di 100 milioni di dollari per sviluppare il nuovo acceleratore di particelle del Medio Oriente, chiamato Sincrotrone-Light o SESAME.

La costruzione del sito, che dovrebbe essere inaugurato ufficialmente la prossima primavera nella città collinare di al-Balqa, a nord ovest di Amman, è in corso, ed i primi esperimenti dovrebbero aver luogo in autunno.

I membri di SESAME sono Iran, Pakistan, Israele, Turchia, Cipro, Egitto, l’Autorità palestinese, Giordania e Bahrain – un gruppo tra i quali il disagio diplomatico è diffuso: l’Iran e il Pakistan non riconoscono Israele, ad esempio, né la Turchia riconosce Cipro.

Si tratta comunque di un ambizioso progetto di cooperazione che sta funzionando molto bene.

Queste le parole di Giorgio Paolucci, direttore scientifico di SESAME:

Stiamo cooperando molto bene insieme. Questo è il sogno.

Lo scopo di SESAME è quello di “promuovere l’eccellenza scientifica e tecnologica in Medio Oriente e nei paesi vicini” e prevenire o invertire la fuga dei cervelli regionali. Questo progetto si può raggiungere solo consentendo la ricerca scientifica a livello mondiale, toccando temi come biologia, archeologia e scienze mediche, fisica, chimica e molto altro.

 

RetweeTech