Ricercatori israeliani scoprono 72 mutazioni genetiche che causano il cancro al seno

Un team internazionale, composto anche dagli israeliani della Clalit Health Services e del Technion di Haifa, ha scoperto 70 modifiche genetiche che possono causare il cancro al seno. I risultati sono il prodotto di un enorme sforzo che ha coinvolto un’indagine di circa 275.000 donne in tutto il mondo, di cui 146.000 avevano il cancro al seno.

Lo studio, recentemente pubblicato in Nature Genetics, fornisce nuove informazioni sui meccanismi che causano la malattia. Oltre agli israeliani, lo studio ha incluso scienziati provenienti da Stati Uniti, Canada, Australia, Giappone e da un gran numero di paesi dell’Europa occidentale.

Lo studio ha identificato 65 cambiamenti genetici che espongono le donne al cancro al seno, insieme a sette altri cambiamenti che espongono un gruppo specifico di donne alle forme di cancro al seno triplo negativo che non rispondono alle terapie.

La componente genetica nel rischio di cancro al seno è costituita da cambiamenti relativamente rari nei geni, come BRCA1 / BRCA2 che portano ad un elevato rischio della malattia e ad un lungo elenco di cambiamenti comuni, ognuno dei quali costituisce solo un contributo relativamente piccolo al rischio. Il nuovo studio su larga scala raddoppia il numero attuale di sottili cambiamenti genetici associati al cancro al seno, migliorando così la comprensione delle sue cause e le possibilità di trovare nuovi percorsi di trattamento.

Secondo il Prof. Gad Rennert, direttore del Centro Nazionale per il Controllo del Cancro della Clalit e ricercatore principale dello studio, il fondamentale contributo della ricerca è identificare ulteriori percorsi biologici la cui disgrazia è legata al rischio di cancro al seno e che porterà allo sviluppo di nuovi farmaci innovativi per combattere la malattia.

RetweeTech