Ricercatori israeliani: il sistema immunitario determina l’età di una persona

Technion Israele Ricercatori sistema immunitario età

L’età di una persona non è determinata solo da segni esteriori, come la pelle rugosa o i capelli grigi. Lo stato del sistema immunitario di una persona fornisce una misurazione molto più accurata della sua salute rispetto ai segni fisici o all’età cronologica. È quanto afferma un team di ricercatori del Technion di Haifa e della Stanford University.

Il team ha sviluppato un modo per misurare l’“età immunitaria”, che potrebbe portare a nuove frontiere nel trattamento medico personalizzato, nello sviluppo clinico di farmaci e vaccini e nei processi di gestione della salute.

Sistema immunitario e malattie

Nel corso della vita di un individuo, il sistema immunitario diminuisce in modo funzionale. Il processo è accompagnato da un aumento delle infiammazioni.

Questo porta, in ultima analisi, all’incapacità di far fronte alle infezioni e ad un maggior rischio di malattie croniche come il cancro e le malattie cardiache, che sono le principali cause di morte tra le persone anziane.

A causa dell’elevata complessità del sistema immunitario, in clinica non esiste una vera e propria metrica di salute immunologica oltre dell’emocromo completo.

Questo test di laboratorio, che esiste dal 1957, quantifica l’abbondanza di cellule immunitarie, ma ad una risoluzione troppo bassa per identificare condizioni tutt’altro che estreme.

La ricerca condotta dal Technion di Haifa e dalla Stanford University.

Lo studio dei ricercatori israeliani e dei loro colleghi degli Stati Uniti, ha analizzato annualmente, ad alta risoluzione e con migliaia di parametri diversi, il sistema immunitario di 135 persone sane di età diverse in un periodo di nove anni.

Sulla base di una serie di dati longitudinali raccolti, i ricercatori hanno individuato un modello di cambiamenti cellulari immuni che si verificano nel tempo e che sono comuni a tutti gli adulti, indipendentemente dalle differenze individuali dei sistemi immunitari delle persone.

Shai Shen-Orr, professore associato della Facoltà di Medicina Rappaport del Technion e autore principale dello studio, in un comunicato dell’Istituto tecnologico spiega:

“Siamo riusciti a mappare come invecchia il sistema immunitario e quantificare l’età immunitaria di un individuo. A differenza dell’età cronologica attuale, l’età immunitaria è intimamente legata allo stato del proprio sistema immunitario, la sentinella principale dell’organismo. Adesso possiamo, quindi, acquisire informazioni rilevanti dal punto di vista medico utilizzando l’età immunitaria”.

Utilizzando il nuovo metodo, i ricercatori hanno quantificato l’età immunitaria di oltre 2.000 adulti che hanno partecipato allo studio Framingham Heart Study, che è stato condotto tra gli abitanti della zona di Boston per più di mezzo secolo.

La scoperta dei ricercatori

I ricercatori hanno dimostrato che le persone con un sistema immunitario “anziano” hanno un rischio più elevato di morire rispetto alle persone con un sistema immunitario “giovane”.

Essendo l’età immunitaria influenzata anche dalla genetica, i ricercatori vogliono definire l’età immunitaria di popolazioni con predisposizione genetica ad una lunga vita, come i discendenti di persone che hanno superato i 100 anni.

Pubblicata sulla prestigiosa rivista Nature Medicine, la ricerca è stata guidata dal prof. Shai Shen-Orr dell’Istituto tecnologico israeliano Technion e dal professor Mark Davis della Stanford University. Co-autori la dottoressa Ayelet Alpert e il Dottor Yishai Pickman della facoltà di medicina Rappaport, insieme ad altri ricercatori di Technion e Stanford.

Credit foto www.technion.ac.il

RetweeTech