Il legame tra la qualità del sonno e il successo dei trapianti di midollo osseo

Un nuovo studio dimostra il legame esistente tra la qualità del sonno e il successo dei trapianti di midollo osseo.

Se un donatore di midollo osseo non dorme abbastanza prima della procedura, diminuisce la probabilità di successo del trapianto di oltre la metà. Questo è ciò che emerge da uno studio pubblicato di recente dalla Prof.ssa Asya Rolls del Technion di Haifa.

Come riportato sulla rivista Nature Communications, l’abilità di migrazione delle cellule staminali è drammaticamente compromessa se ​​il donatore dorme male nelle quattro ore prima della donazione.

Commenta la Prof.ssa Rolls:

Il nostro studio è stato condotto sui topi, e quindi è ancora troppo presto per trarre conclusioni sugli esseri umani. Tuttavia, lo studio indica l’importanza del sonno nelle procedure mediche.

Rolls sostiene che se i futuri studi sull’uomo dovessero confermare i suoi risultati, dovremmo riflettere attentamente su come garantire un ottimo riposo al donatore prima del trapianto al fine di aumentare le possibilità di successo.

I risultati di questo studio sono di grande interesse alla luce di decine di migliaia di trapianti di midollo osseo (trapianto di cellule staminali ematopoietiche) effettuati ogni anno per trattare alcuni tipi di cancro. Le cellule staminali del midollo del donatore iniettate ricostituiscono il sistema circolatorio e immunitario del paziente.

Supportata dal National Institutes of Health, Rolls ha condotto il suo studio in collaborazione con i ricercatori della Stanford Medical School compreso il Prof. Irving Weissman, direttore dell’Istituto di Biologia della cellula formativa e Medicina rigenerativa; il Prof. Luis de Lecea del dipartimento di psichiatria; e il Prof. H. Craig Heller del dipartimento di biologia.

RetweeTech