Partnership tra le startup Griiip e Autotalks per realizzare un’auto da corsa intelligente

Partnership tra le startup Griiip e Autotalks per realizzare un'auto da corsa intelligente

In arrivo la prima auto da corsa intelligente connessa per offrire contenuti avanzati a fan e piloti. Il progetto è il frutto della partnership tra due startup israeliane: Griiip e Autotalks.

Griiip ha equipaggiato tutte le sue auto da corsa G1 con la soluzione Vehicle to Everything (V2X) di Autotalks, basata sul chipset CRATON2, con l’obiettivo di “eliminare un numero significativo di incidenti e di vittime nelle gare professionistiche e amatoriali“.

Con la tecnologia Vehicle to Vehicle (V2V) di Autotalks, un avviso viene inviato ai conducenti in pista quando si avvicinano a un’area pericolosa, ad esempio quando un altro pilota ha perso il controllo e si è fermato in un luogo non sicuro o quando un veicolo rallenta all’improvviso. L’allarme aumenta di intensità man mano che i conducenti si avvicinano tra di loro.

Le due società, in un comunicato stampa, affermano:

“L’allarme lampeggia con luci gialle e un segnale acustico aumenta di intensità man mano che l’auto si avvicina alla zona di pericolo. Fornendo un avvertimento immediato e chiaro, piuttosto che aspettare la bandiera gialla, si possono evitare incidenti orribili in pista, che spesso diventano incidenti a catena a causa dell’alta velocità”.

Hagai Zyss, CEO di Autotalks, ha dichiarato:

“Il fatto che Autotalks e Griiip siano stati i primi a dimostrare con successo una soluzione V2V di motorsport su una pista non è una coincidenza. La dimostrazione non è solo una testimonianza del nostro impegno per salvare vite umane grazie all’efficace tecnologia V2V, ma dimostra anche che la nostra tecnologia è abbastanza robusta per soddisfare l’ambiente delle corse estremamente esigente e ad alta velocità, dove gli incidenti sono frequenti. Intendiamo continuare a dimostrare le implementazioni V2V salvavita nel maggior numero possibile di ambienti”.

Tamir Plachinsky, CEO di Griiip, ha detto:

“Griiip funge da piattaforma di sviluppo e gateway per le nuove tecnologie nel mondo del motorsport, con l’obiettivo di migliorare ogni aspetto, mantenendo la sicurezza in prima posizione. Utilizzando la tecnologia di Autotalks, siamo in grado di fornire ai driver delle G1 avvisi immediati e accurati, mantenendoli più sicuri in pista”.

La startup israeliana Griiip, che per il motore della G1 si è affidata al produttore italiano Aprilia Racing, nella costruzione del prototipo ha dovuto superare molte difficoltà, tra cui rigide normative doganali e la mancanza di un sito per i test in quanto all’epoca Israele non disponeva di circuiti autosufficienti. Tutti i test dell’innovativa auto da corsa sono avvenuti in Italia.

La prossima serie di auto che Griiip intende presentare è la G1 E, la versione elettrica della G1, seguendo una tendenza verde nell’industria automobilistica. Entro la fine di quest’anno, Griiip prevede di completare un totale di cinque vetture, tre delle quali sono in fase di produzione finale. Inizia una nuova era in Griiip in quanto si tratta delle prime vetture di Formula 1000 che riceveranno motori completamente nuovi.

Autotalks, fondata nel 2008, è pioniere e leader del mercato dei chipset V2X, fornendo ai clienti soluzioni V2X all’avanguardia. Gli autotalks aiutano a ridurre le collisioni sulle strade e a migliorare la mobilità con i suoi chipset certificati automobilistici. I chipset offrono la soluzione di comunicazione V2X più avanzata, veramente sicura e dalle prestazioni elevate, progettata per veicoli autonomi. La tecnologia avanzata di Autotalks, che verrà implementata in serie entro il 2019, integra le informazioni provenienti da altri sensori, in particolare in scenari di non-line-of-sight, condizioni meteorologiche avverse o condizioni di scarsa illuminazione. Migliora significativamente la sicurezza stradale complessiva, coordinando efficacemente veicoli, auto a guida autonoma, motociclisti e pedoni.

Griiip progetta e produce auto da corsa innovative rivolte alle categorie entry level. La startup è stata fondata nel 2015 da due ragazzi israeliani: Tamir Plachinsky e Gil Zakay, che hanno lanciato la loro prima auto da corsa nel 2016, la G1, un’auto da corsa di Formula 1000 entry-level alimentata dal motore Aprilia V4 1000cc. Si tratta dell’auto da corsa più economica rispetto ad altre vetture simili perché utilizza una struttura semplice. L’obiettivo di Griiip è di offrire un’esperienza di guida più entusiasmante per fan e piloti, ridurre il costo delle corse e aumentare la sicurezza.

RetweeTech