Ospedale Rambam: al via programma di radioterapia senza sedazione per bambini con il cancro

Israele Ospedale Rambam programma radioterapia sedazione bambini cancro

L’ospedale pediatrico Ruth Rappaport del Rambam Health Campus di Haifa, ha avviato un programma che consente ai bambini malati di cancro di sottoporsi a radioterapia senza sedazione.

La radioterapia è generalmente indolore e non invasiva, ma per i bambini può essere uno degli aspetti più stressanti e spaventosi del cancro. Sono già in ansia per il trattamento non familiare, per l’incontro con il nuovo personale medico, inoltre i macchinari sono grandi e spaventosi.

La sedazione durante la radioterapia

In alcuni casi, è necessario somministrare una sedazione per garantire che il bambino non si muova durante il trattamento. La sedazione giornaliera ripetuta aumenta i rischi di complicanze.

Questo è particolarmente complicato per i bambini piccoli che possono aver bisogno di un particolare sistema d’impianto e questo potrebbe aumentare il rischio di infezione.

La divisione Joan e Sanford Weill di Pediatric Hematology Oncology and Brow Marrow Transplantation presso il Rambam ha un programma per bambini mirato a fornire radioterapia senza sedazione, semplicemente riducendo il livello di ansia del bambino.

Ospedale Rambam programma radioterapia senza sedazione bambini cancro siliconwadi

Lo staff lavora per creare una relazione con i pazienti e le loro famiglie sin dall’inizio, creando un team focalizzato sulle esigenze di ogni giovane paziente. Il coinvolgimento della famiglia durante le radiazioni aiuta anche a rassicurare il bambino.

Il programma dell’ospedale Rambam

Il programma unico, che riceve finanziamenti dalla Israel Children’s Cancer Foundation (ICCF), è stato già applicato su un bambino di dieci anni, a cui è stato diagnosticato un tumore al cervello.

Dopo una adeguata preparazione, come riporta il Rambam, il bambino, per cinque giorni alla settimana nel corso di un mese, ha ricevuto trattamenti con radiazioni senza sedazione.

Oggi il piccolo è felice e in salute ed è tornato a scuola e alla sua normale routine nel nord di Israele, dove vive con i genitori e due fratelli.

RetweeTech