Nuovo studio: i neuroni possono influenzare il destino dei nostri figli

neuroni influenzare figli ricerca medica Israele

I ricercatori dell’Università di Tel Aviv hanno scoperto un meccanismo nei nematodi – i vermi che si trovano in tutti gli habitat ambientali – che permette ai neuroni, o cellule cerebrali, di trasmettere informazioni attraverso le generazioni e controllarne il comportamento.

I risultati implicano che l’attività del cervello, e non solo le informazioni presenti nel DNA, potrebbero giocare un ruolo in ciò che ereditano i nostri figli.

I ricercatori evidenziano di non sapere ancora se il lavoro fatto sui nematodi, detti anche vermi tondi, possa essere uguale anche negli esseri umani.

Neuroni e sistema nervoso

Il meccanismo che i ricercatori hanno ora identificato mostra che le risposte neuronali – vale a dire le risposte del sistema nervoso – possono essere trasmesse attraverso le generazioni.

Questo sta ad indicare che il sistema nervoso, che è unico nella sua capacità di pianificare e organizzare le risposte a stimoli ambientali e interni, aiuta le future generazioni.

Nel loro studio, i ricercatori mostrano che il sistema nervoso dei vermi controllava la capacità delle loro generazioni nel cercare il cibo.

Questa è la prima volta che viene identificato un meccanismo che può trasmettere risposte neuronali – o l’attività del cervello – attraverso le generazioni.

Il ruolo delle molecole di RNA

La ricerca ha anche identificato il modo in cui i neuroni trasmettono messaggi alle generazioni future: attraverso piccole molecole di RNA, il cui ruolo è quello di regolare la funzione dei geni.

I ricercatori hanno scoperto che queste molecole di RNA trasferiscono informazioni dai neuroni genitori alla progenie regolando i geni nelle cellule germinali (sperma e uovo), controllando così l’espressione di molti geni, portando a cambiamenti nei processi fisiologici dell’organismo in via di sviluppo. In particolare, l’eredità di piccoli RNA controllati dal sistema nervoso influisce sul comportamento di ricerca di cibo della progenie, anche a tre generazioni di distanza.

Lo studio è stato condotto dal prof. Oded Rechavi della Facoltà di Scienze della Vita della George S. Wise presso l’Università di Tel Aviv e della Scuola di Neuroscienze Sagol, co-autori gli studenti Rachel Posner e Itai Toker.

neuroni destino figli nuovo studio Università di Tel Aviv

Il prof. Oded Rechavi, come riporta The Times of Israel, ha affermato:

“La scoperta potrebbe avere importanti implicazioni per la nostra comprensione dell’ereditarietà e dell’evoluzione. Il sistema nervoso è unico nella sua capacità di integrare le risposte sull’ambiente e le risposte corporee. L’idea che possa anche controllare il destino della progenie di un organismo è sorprendente”.

I ricercatori hanno scoperto che sono i piccoli RNA prodotti nel sistema nervoso dei genitori che hanno influenzato questo comportamento nella loro progenie.

Secondo i ricercatori israeliani se i risultati si possono applicare effettivamente anche negli esseri umani, “cambierà il modo in cui pensiamo al concetto di ereditarietà”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell.

RetweeTech