Neonati: la mancanza di sonno può essere legata a futuri problemi di attenzione

Uno studio condotto da una equipe di ricercatori guidata dal Prof. Avi Sadeh della Facoltà di Scienze della Psicologia dell’Università di Tel Aviv, insieme al Prof. Yair Bar-Ham e Yael Guri sempre della TAU, al Dott. Gali de Marcas del Gordon College of Education di Haifa, al Prof. Andrea Berger e alla Dott.ssa Liat Tikotzky dell’Università di Ben Gurion, mostra che i problemi di sonno infantile, come i risvegli notturni ed il sonno frammentato sono legati a difficoltà comportamentali e a futuri problemi di sviluppo.

Il Prof. Sadeh spiega:

Molti genitori ritengono che dopo una notte di sonno inadeguato, i loro figli non siano in forma, ma ciò che occorre sapere è se i problemi di sonno indichino futuri problemi di sviluppo. Il fatto di legare i due eventi, fino ad oggi non era mai stato dimostrato.

Per lo studio, l’equipe ha monitorato le abitudini del sonno nei neonati nel laboratorio di ricerca sui problemi del sonno presso l’Università di Tel Aviv, di cui il Prof. Sadeh è direttore. Lo studio iniziale ha coinvolto 87 bambini di un anno e i loro genitori, ritornando per il controllo quando i bambini avessero raggiunto i 3 o 4 anni di età.

Per determinare le abitudini del sonno, i ricercatori hanno utilizzato dei dispositivi simili ad orologi da polso. Nelle successive visite di controllo hanno utilizzato un test computerizzato per valutare se la mancanza di sonno avesse provocato una mancanza di attenzione.

I risultati hanno rivelato significative correlazioni tra la mancanza di sonno da un lato, e problemi d’attenzione dall’altro. Lo studio ha prodotto associazioni significative tra i marcatori di qualità del sonno (percentuale del sonno e numero di risvegli notturni) e il comportamento (come ad esempio il livello d’attenzione) nei successivi 2 o 3 anni.

Le cause possono essere genetiche o ambientali. Tuttavia, i nostri risultati sottolineano l’importanza di una diagnosi precoce per il trattamento dei problemi del sonno nei bambini piccoli. Tempestivi interventi sui disturbi del sonno, possono risultare efficaci per migliorare l’attenzione.

La ricerca non è ancora terminata, attendiamo nuovi sviluppi.

RetweeTech