Mdefend: la tecnologia che difende i dispositivi medici dagli attacchi informatici

Mdefend la tecnologia che difendere i dispositivi medici dagli attacchi informatici

I dispositivi medici sono tra le risorse più deboli nel sistema delle reti ospedaliere, oltre ad essere tra i più critici in quanto contengono preziosi dati sui pazienti. Questi device sono diventati parte integrante delle reti informatiche degli ospedali, ma non sono monitorati e rimangono non protetti.

Ad esempio le macchine a raggi X, i defibrillatori e altri dispositivi elettronici medici sono certamente tecnologie salvavita, ma possono essere facilmente hackerati se non protetti. Una violazione dei dispositivi medici influisce sulla continuità operativa, sulla reputazione aziendale e sulla sicurezza del paziente.

Una soluzione nel campo della sicurezza informatica medica arriva dall’azienda israeliana CyberMDX, che ha sviluppato Mdefend, una tecnologia che combina la ricerca e la conoscenza degli attacchi informatici e delle vulnerabilità dei dispositivi medici con l’Intelligenza Artificiale.

La soluzione di sicurezza informatica protegge i dispositivi medicali consentendo la loro continuità operativa e la sicurezza dei pazienti e dei dati.

Mdefend non è una tecnologia invasiva, gestisce il rischio, oltre a prevenire e rilevare le minacce e a proteggere l’Internet of Medical Things (IoMT).

Il CEO di CyberMDX, Amir Magner, come riporta il Globes, ha affermato:

“La crescita accelerata dei dispositivi medici connessi pone sfide eccezionali per la sicurezza della rete ospedaliera. Alcuni attacchi informatici che si sono verificati hanno mostrato le sfide e le situazioni ad alto rischio cui sono esposti gli ospedali. La sicurezza informatica per i dispositivi medici è una necessità assoluta per consentire agli ospedali di concentrarsi sulla loro missione principale che è quella di curare e salvare vite umane”.

Joey Johnson, consigliere di CyberMDX, ha spiegato:

“La tecnologia consente agli utenti di sapere quali dispositivi medici sono presenti in rete, a cosa si connettono e qual è il livello di rischio per ciascun asset collegato. Questo non solo aiuta a proteggere la rete ospedaliera, ma aiuta anche a risparmiare tempo e denaro”.

RetweeTech