La vitamina D aiuta il trattamento per l’epatite C

La vitamina D aiuta il trattamento per l’epatite C. Il virus dell’epatite C è considerato la causa principale della malattia epatica cronica che a sua volta può causare cirrosi e insufficienza epatica, la causa primaria nel mondo occidentale e in Israele, che porta alla necessità di un trapianto di fegato.

Il virus è l’eziologia del cancro al fegato. I trattamento anti-virali per l’epatite cronica hanno successo solo circa 50% dei casi, con effetti collaterali.

Per queste ragioni il Prof. Ran Tur-Kaspa, Responsabile del Center’s Liver Institute and Department of Medicine D presso il Rabin Medical Center, è costantemente alla ricerca di nuovi farmaci e trattamenti la cui efficacia sia più alta e gli effetti collaterali sono più bassi.

Il laboratorio di Epatologia Molecolare (che si occupa di studi sul fegato) diretto dal Prof. Tur-Kaspa è dotato del più avanzato sistema disponibile per la ricerca del virus dell’epatite C.

Il team di ricerca ha condotto uno studio che ha esaminato e analizzato l’effetto della vitamina D sul virus e sulla cellule del fegato.

La squadra ha scoperto per la prima volta che la vitamina D ha una attività inibitoria diretta sui virus in generale e su quelli dell’epatite C in particolare. Hanno anche trovato dei risultati innovativi che indicano che la vitamina D attiva il sistema immunitario innato del fegato, che funziona per sopprimere il virus in queste cellule.

La ricerca ha dimostrato che la vitamina D funziona all’interno della cellula e sopprime la produzione di virus, mostrando che la combinazione di interferone e vitamina D può essere sinergicamente più efficace nel trattamento dell’epatite C.

La ricerca è stata pubblicata in Hepatology, la più importante rivista scientifica dell’American Association of the Liver

RetweeTech