Israele, ospedale usa risonanza magnetica progettata per neonati: prima volta al mondo

Il primo strumento di risonanza magnetica costruito appositamente per esaminare i neonati prematuri, è stato installato e testato su sei pazienti dell’ospedale Shaare Zedek di Gerusalemme.

I bambini dormono comodamente durante la scansione e non hanno bisogno di essere anestetizzati. Il dispositivo, chiamato sistema Embrace e recentemente approvato dalla Food and Drug Administration, è stato installato nell’unità ospedaliera di terapia intensiva neonatale. Il dispositivo Embrace consente di eseguire risonanze magnetiche di alta qualità senza compromettere la tranquillità dei bambini. Questo migliora il servizio che i neonati e le loro famiglie riceveranno – informazioni precise sulla struttura del cervello, identificazione di neonati a rischio e trattamento precoce di eventuali malattie.

L’ospedale, che funge da luogo beta per la società Aspect Imaging con sede nell’Industrial Area Hevel Modi’in Shoham, non ha dovuto pagare il costo del dispositivo perché lo ha collaudato per l’azienda con l’autorizzazione del Ministero della Sanità e del Comitato di Helsinki per la Sperimentazione Medica Umana (Helsinki Committee for Human Medical Experimentation).
La tecnologia è adattata alla dimensione fisica dei neonati e dei neonati prematuri. È stato specificamente installato nel reparto neonatale, quindi i piccoli pazienti non devono essere spostati da un’unità all’altra mantenendo una temperatura calda come necessario che sia per i neonati delicati.

Il personale medico rimane vicino al bambino prematuro durante l’esame stesso, a differenza di un dispositivo di risonanza magnetica convenzionale, in cui i tecnici devono sedersi in una stanza separata. La ragione, spiega un neonatologo senior presso l’unità di terapia intensiva neonatale dell’ospedale di Gerusalemme che dirige il progetto, è che il campo magnetico creato dalla nuova tecnologia rimane confinato nel dispositivo stesso.

Con Embrace, il cervello del bambino può essere sottoposto a scansione, in quanto la maggior parte dei rischi nei bambini prematuri è nel sistema nervoso centrale e nel cuore. La nuova tecnica viene utilizzata sia per i neonati prematuri sia per coloro che hanno affrontato una nascita difficile.

RetweeTech