Israele: farmaco potrebbe trattare Alzheimer, Sclerosi Multipla e Crohn

In Israele, presso l’Università Ebraica di Gerusalemme e Hadassah Medical School si sta studiando un farmaco che può trattare efficacemente malattie infiammatorie come il morbo di Crohn, la colite ulcerosa, l’Artrite Reumatoide e la Sclerosi Multipla, nonché malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer.

Come spiega il Prof. David Naor, a ISRAEL21c, tutte queste malattie sono associate a proteine ​​amiloidi patologiche che potrebbero essere neutralizzate dal peptide 5-mer. Naor ha trascorso gli ultimi 10 anni a ricercare e sviluppare un metodo con il supporto della società di trasferimento tecnologico Yissum, il governo israeliano e la Spherium Biomed della Spagna.

Si tratta di un frammento di proteina sintetica che inverte in modo significativo gli effetti dannosi delle malattie infiammatorie e del morbo di Alzheimer.

Credo che entro due anni sapremo per certo se il nostro prodotto accademico possa tradursi in un farmaco terapeutico per combattere le malattie infiammatorie e neurodegenerative. Una volta che controlli l’infiammazione, puoi controllare la malattia, quindi il nostro obiettivo è ridurre il più possibile l’attività infiammatoria.

Artrite reumatoide

Naor iniziò studiando l’efficacia di 5-mer nell’artrite reumatoide ed i risultati degli esperimenti sono stati sbalorditivi. Quando i topi con artrite indotta da collagene sono stati trattati con il peptide 5-mer, i tessuti gravemente infiammati nelle articolazioni sono tornati quasi normali. Non sono stati invece osservati effetti collaterali dannosi.

Sclerosi multipla

Dopo gli esperimenti sull’artrite reumatoide il Prof. ha esaminato una diversa malattia infiammatoria cronica – la sclerosi multipla, in cui l’infiammazione non è nelle articolazioni ma nel cervello.

La sclerosi multipla (SM) è la condizione neurologica invalidante più diffusa dei giovani adulti in tutto il mondo e di solito colpisce tra i 20 e i 50 anni. Non esiste una cura, ma il prodotto sviluppato da Israele riduce la frequenza delle recidive.

Anche qui i risultati del Prof. Naor sono stati degni di nota. Cinque giorni dopo l’induzione della malattia nei topi, le iniezioni di peptidi 5-mer hanno causato una significativa riduzione dell’accumulo di cellule infiammatorie nel sistema nervoso centrale e una significativa riduzione della paralisi degli arti.

Recentemente, in collaborazione con il Prof. Haim Ovadia dell’Hadassah University Medical Center, il laboratorio di Naor ha ottenuto un altro traguardo riuscendo a somministrare il peptide 5-mer attraverso la bocca piuttosto che mediante iniezioni, con lo stesso effetto terapeutico.

Ciò significa che potremmo essere in grado di produrre pillole per la somministrazione orale piuttosto che fornire il farmaco per iniezione.

Il morbo di Alzheimer 

In collaborazione con la Prof.ssa Hanna Rosenmann dell’Hadassah, il laboratorio di Naor ha studiato l’effetto del peptide mer-5 nei topi con malattia di Alzheimer indotta.

Dopo il trattamento con il peptide 5-mer, i topi con l’Alzheimer hanno recuperato la loro capacità cognitive. Questo però non vuol dire che sia stata trovata una cura per l’Alzheimer ma gli studi hanno prodotto risultati di successo laddove tanti altri potenziali farmaci anti-Alzheimer hanno fallito.

Israele ed i suoi ricercatori quotidianamente si mettono alla prova per studiare, approfondire e sviluppare nuovi farmaci per aiutare i pazienti di tutto il mondo.

RetweeTech