Innovazione: studenti israeliani premiati da Facebook

Un gruppo di quattro studenti di informatica presso l’Università di Tel Aviv ha vinto il premio della giuria (4° posto) all’interno della competizione mondiale di Facebook chiamata Hackaton (termine che deriva dalla parola “hacker” pirata informatico, e “marathon” competizione), che si è recentemente tenuto presso la sede della società a San Francisco. Perché hanno vinto? Grazie allo sviluppo di un pulsante che permette la duplicazione simultanea di video in diverse lingue.

L’Hackathon è un concorso di programmazione che di solito dura uno o due giorni, mettendo piccoli gruppi in competizione per costruire un programma da zero. Durante questa maratona, quattro studenti provenienti dall’Università di Tel Aviv, Guy Roy al terzo anni di informatica e economia, Lior Skiler al terzo anni di informatica e psicologia, Matan Sokolovski e Denis Sirov due studenti delle scuole superiori, hanno sviluppato un pulsante che può essere aggiunto al browser e cliccando su di esso permette di creare un doppiaggio simultaneo di video in diverse lingue. Sokolovsky, 16 anni, è stato il più giovane partecipante alla competizione.

21 squadre provenienti da 11 paesi si sono sfidati al concorso. I primi 3 posti sono stati vinti da gruppi provenienti dagli Stati Uniti. Il team dell’Università di Tel Aviv è stato il primo in classifica non americano.

Guy Roy, sottolinea:

Moltissimi video su Facebook e YouTube sono in lingue straniere e la maggior parte delle persone non conosce l’inglese. Abbiamo sviluppato un pulsante attraverso il quale si può ascoltare contemporaneamente un video nella lingua scelta, con una voce che suona come se fosse umana. Facebook è rimasto entusiasta del nostro prodotto. Abbiamo dimostrato che gli studenti dell’Università di Tel Aviv sono in grado di competere e battere anche le migliori università del mondo.

Il primo posto è stato vinto da un gruppo del Canegie Mellon University, per lo sviluppo di un software che rileva le tendenze più “calde” della rete grazie alla posizione geografica.

RetweeTech