Innovazione israeliana per la diagnosi non invasiva del cancro alla prostata

Gli scienziati del Kaplan Medical Center di Rehovot, in Israele, hanno segnalato una svolta nel rilevare con successo le cellule cancerose alla prostata utilizzando il test diagnostico non invasivo CellDetect, della Micromedic Technologies.

Gli attuali test di screening per il cancro alla prostata forniscono un alto tasso di risultati falsi positivi (con una specificità del 25%), portando a test diagnostici invasivi come le biopsie.

CellDetect, una piattaforma citopatologica di nuova generazione per un’accurata rilevazione del cancro, ha dimostrato il successo nel rilevamento di cellule di cancro alla prostata nei campioni di urina con una sensibilità del 91,3% e specificità del 75%.

Precedentemente CellDetect si è dimostrata efficace nella diagnosi del cancro della cervice e della vescica in numerosi studi clinici e si prevede che la tecnologia possa essere implementata a beneficio di ulteriori organi. Ad esempio, i prodotti per rilevare il cancro al collo dell’utero e alla vescica sono in fase di commercializzazione negli Stati Uniti e in Europa.

Risultati più affidabili

Il Prof. Dan Leibowitz, capo di urologia presso il Kaplan e il principale ricercatore dello studio, sottolinea che i risultati dello studio CellDetect per il cancro alla prostata “sono molto importanti per dimostrare l’uso di uno strumento diagnostico affidabile che ci aiuterà a determinare se e quando eseguire o evitare una biopsia della prostata”.

Con questi risultati, si ha il potenziale per trasformare la diagnosi del cancro alla prostata, offrendo ai pazienti un test non invasivo, accurato e affidabile.

Secondo CellDetect, la piattaforma migliora notevolmente l’accuratezza diagnostica dei tumori in stadio iniziale che potrebbero essere non essere visti dalle tecniche di diagnosi standard.

RetweeTech