Etiopia: scuola riceve acqua potabile grazie a studenti israeliani

Grazie ad un nuovo sistema ideato da studenti israeliani, più di 600 bambini del villaggio rurale etiope di Meskele Cristos possono tranquillamente bere e lavarsi durante la giornata scolastica.

Volontari di Engineers without Borders (EwB) presso il Technion di Haifa si sono uniti per aiutare una comunità rurale nel nord dell’Etiopia per progettare e costruire un sistema di acqua potabile per la loro scuola.

Il sistema raccoglie l’acqua piovana dal tetto durante la stagione delle piogge e la custodisce in un serbatoio di pietra costruito come parte del progetto. L’acqua viene pulita e trattata prima di raggiungere il serbatoio della scuola.

Grazie a questo progetto più di 600 studenti hanno accesso ad acqua potabile durante la giornata scolastica, tutto l’anno. Il team di israeliani che ha visitato l’area ha anche formato un club di ingegneria per i bambini più grandi della scuola e li ha addestrati ad essere responsabili della manutenzione del sistema.

Il progetto di cooperazione nel villaggio di Meskele Cristos è iniziato circa due anni fa con una richiesta da parte di Yossi e Sheila Shalhevet, volontari di Israel’s Save a Child’s Heart (SACH).

Nel 2012, un bambino dello stesso villaggio fu portato in Israele per un intervento chirurgico salvavita effettuato grazie all’intervento dell’organizzazione. Yossi e Sheila Shalhevet “adottarono” il ragazzo e la sua famiglia e quando visitarono il villaggio notarono che non vi era acqua potabile nella scuola locale; l’intero villaggio dipende da un paio di piccole sorgenti idriche e da una pompa a mano. Così si decise di chiedere aiuto agli ingegneri dell’Engineers without Borders (EwB).

Nel maggio 2013 una delegazione di EWB visitarono il villaggio di Meskele Cristos per effettuare una valutazione iniziale della situazione.

Nimrod Polonsky, uno degli studenti che ha partecipato al progetto, commenta:

Abbiamo visto che la scuola non aveva una fonte di acqua potabile affidabile. Per essere in grado di bere acqua e lavarsi le mani durante l’orario scolastico, gli studenti erano costretti a camminare verso una fonte d’acqua situata lontano dalla scuola e portare di nuovo l’acqua in taniche molto pesanti. Così ci siamo dati l’obiettivo di stabilire un sistema di acqua potabile presso la scuola per il bene degli studenti.

Ci sono voluti quasi due anni di lunghi viaggi e di duro lavoro da parte dei 15 studenti del Technion per raggiungere tale obiettivo, lavorando in collaborazione con la comunità del villaggio e una ONG locale.

La partnership con il villaggio di Meskele Cristos non è finito con questo progetto. L’EWB-Technion continuerà a fornire supporto formativo per il sistema e sono alla ricerca di progetti ambientali aggiuntivi sulla base delle esigenze definite dalla comunità.

RetweeTech