DeepOptics: la startup israeliana che rivoluziona il mondo degli occhiali da vista

DeepOptics: la startup israeliana che rivoluziona il mondo degli occhiali da vista. Sulla base del lavoro del Prof. Carlos Mastrangelo dell’Università dello Utah, che si basa sui cristalli liquidi, la startup israeliana DeepOptics potrebbe rivoluzionare il funzionamento delle lenti progressive. Quattro ingegneri israeliani specializzati nel campo dell’ottica, Yariv Haddad, Yoav Yadin, Alex Alon e Saar Wilf, hanno unito le forze per sviluppare degli occhiali innovativi per modificare la correzione della vista in tempo reale, sulla base dell’oggetto osservato.

Sulle attuali lenti progressive, una superficie di vetro viene adattata per la visione da vicino e una per la visione a distanza. Tutto ciò spesso porta a problemi di adattamento della visione stessa e alla distorsione dell’immagine.

Con questa nuova tecnologia, grazie ad alcuni sensori integrati nel telaio è possibile rilevare i movimenti oculari per calcolare la distanza pupillare, che varia a seconda della distanza tra l’individuo e l’oggetto da osservare. Quando le pupille sono vicine, il vetro si adatta ad una vista da vicino e quando più lontane, il vetro si adatta ad una visione a distanza.

Più specificamente, è grazie ai vetri a cristalli liquidi (LCD) integrati che la visione può essere adattata in tempo reale. Questi cristalli variano l’indice di rifrazione in funzione dell’oggetto osservato.

Questi occhiali sono una promessa interessante per molte persone che soffrono di vari problemi alla vista. Anche se ancora in fase di sviluppo, 14 aziende tra cui Essilor, la numero uno nel mondo delle lenti correttive, hanno investito in questa straordinaria tecnologia israeliana.

RetweeTech