Dai ricercatori israeliani un nuovo farmaco contro il cancro al pancreas

Sheba Medical Center ricercatori israeliani farmaco cancro pancreas

I ricercatori dello Sheba Medical Center di Tel Hashomer, insieme a due grandi aziende farmaceutiche, l’inglese AstraZeneca e l’americana Merck&Co. Inc., hanno testato un farmaco specifico per la terapia contro il cancro al pancreas.

Il farmaco ritarda la progressione della malattia nei pazienti con mutazioni genetiche BRCA.

Il farmaco per trattare il cancro al pancreas

La dott.ssa Talia Golan, responsabile del Centro per il cancro al pancreas dello Sheba, ha condotto, con i colleghi inglesi e americani, ricerche e studi clinici per valutare la sicurezza e testare l’efficacia del nuovo trattamento basato su compresse di Lynparza, che contiene il principio attivo (cioè la sostanza che esplica l’azione terapeutica) Olaparib.

Si tratta dello stesso farmaco che viene somministrato nel trattamento del cancro al seno e del cancro ovarico.

Le compresse sono un inibitore di PARP, che inibisce la poli-ribosio polimerasi dell’ADP, un enzima coinvolto nella riparazione del DNA.

Gli inibitori di PARP sono un gruppo di farmaci che inibiscono l’enzima. Sono stati sviluppati per una serie di indicazioni, ma soprattutto per il trattamento del cancro, in quanto diverse forme di cancro dipendono maggiormente dall’enzima per il loro sviluppo rispetto alle cellule normali. Questo rende PARP un bersaglio interessante per la terapia antitumorale.

Come riporta The Times of Israel, lo studio, chiamato POLO, è stato condotto su 154 pazienti con tumore metastatico del pancreas che portavano le mutazioni genetiche BRCA 1 e BRCA 2.

La dott.ssa Talia Golan ha spiegato:

“Lo studio POLO utilizzando il farmaco Lynparza offre una potenziale speranza per coloro che soffrono di cancro metastatico del pancreas e hanno una mutazione BRCA. Questo trattamento testimonia anche lo sviluppo di una ‘medicina di precisione’ basata su uno specifico biomarcatore genetico, BRCA 1 e 2”.

Il farmaco “fornisce una speranza enorme per i pazienti” con il cancro al pancreas in fase avanzata.

Il cancro è spesso difficile da diagnosticare, in quanto non esistono metodi specifici ed economici per controllare la malattia, il che significa che viene scoperto spesso in fasi successive, quando ormai si è diffuso.

Per il 52% delle persone a cui viene diagnosticata la malattia dopo che il cancro si è diffuso, il 3% ha un tasso di sopravvivenza di 5 anni.

I geni BRCA1 e BRCA2

BRCA1 e BRCA2 sono geni umani che producono proteine responsabili della riparazione del DNA danneggiato e svolgono un ruolo importante nel mantenere la stabilità genetica delle cellule.

Quando uno di questi geni è mutato, o alterato, in modo tale che il suo prodotto proteico non è fatto o non funziona correttamente, il danno al DNA potrebbe non essere riparato correttamente e le cellule diventano instabili. Di conseguenza, le cellule hanno maggiori probabilità di sviluppare ulteriori alterazioni genetiche che possono portare al cancro.

RetweeTech