Da Startup Nation a Cyber Security Nation: l’evoluzione di Israele come leader di sicurezza

Da Startup Nation a Cyber Security Nation: L’evoluzione di Israele come leader di sicurezza. Fino a poco tempo fa i principali operatori a livello mondiale per la sicurezza on-line erano gli Stati Uniti, la Cina e la Russia.

Oggi però anche Israele è emersa come leader mondiale in questo settore. Conosciuta come la Startup Nation, Israele ha creato intorno a sé una cultura dello sviluppo tecnologico.

Lo Stato promuove l’apprendimento e l’approfondimento della tecnologia, sia culturalmente che attraverso il reclutamento delle migliori menti al servizio delle Forze di Difesa Israeliane (IDF), diventando un paese in grado di contrastare gli attacchi informatici. Basti pensare che dall’unità di intelligence 8200 nascono le migliori menti che a loro volta diventano leader di aziende che si occupano di cyber-sicurezza sia statali che private.

Secondo un articolo presente su Globes (portale finanziario israeliano), nel 2016 ci sono state oltre 430 imprese orientate verso la cyber sicurezza.

La più antica società di sicurezza informatica israeliana è Check Point Software Technologies (quotata al Nasdaq: CHKP), che, sempre secondo Globes, ha una capitalizzazione di mercato di oltre 15 miliardi di euro. Dal 1993, Check Point Software Technologies Ltd. ha ampliato i propri affari operando in centinaia di paesi con partner tecnologici come IBM e Microsoft.

Check Point non è l’unica azienda di sicurezza informatica che ha visto una tale crescita, tra le altre, solo per citarne una, vi è la Cyber ​​Ark Software Inc. (quotata al Nasdaq: CYBR).

Il mondo continua a richiedere maggiore attenzione in queste aree e Israele sta aprendo la strada e fornendo il proprio know how.

RetweeTech