Da Israele un dispositivo che produce acqua potabile sfruttando l’energia solare

Da Israele un dispositivo che produce acqua potabile sfruttando l'energia solare

L’azienda israeliana Tethys Desalination ha sviluppato un innovativo dispositivo che trasforma l’acqua salata o inquinata in acqua potabile cristallina sfruttando l’energia del sole.

Il dispositivo, facilmente installabile, può produrre fino a 50 litri di acqua potabile ogni giorno e soddisfare le esigenze di una famiglia. Ad esempio un gruppo di unità installate insieme può sostenere un intero villaggio.

La tecnologia di Tethys produce acqua pulita e potabile da qualsiasi fonte d’acqua: acqua di mare, acqua salmastra, acqua industriale e persino acqua contaminata, riducendo i costi di produzione di acqua potabile del 50%.

Il sistema, che non ha bisogno di un impianto elettrico per funzionare, aiuterà milioni di persone in tutto il mondo ad avere acqua pulita, oltre a sostenere le esigenze dell’agricoltura e dell’industria, riducendo al tempo stesso l’impatto sull’ambiente.

A fondare la società con sede a Tel Aviv, sono stati Moshe Tshuva, responsabile del dipartimento energia presso l’Afeka – Tel-Aviv College of Engineering e impegnato fin dagli anni ’80 nella ricerca e sviluppo di impianti solari e progetti di energia verde, e Joshua Altman, con alle spalle 30 anni di esperienza nello sviluppo, gestione e supporto di progetti nei settori del trattamento delle acque, energia solare, tecnologie a infrarossi e dispositivi elettronici e biomedicali.

Da Israele un dispositivo che produce acqua potabile sfruttando l'energia solare

Tutti i processi – spiega Joshua Altman – utilizzano molta energia e sono molto aggressivi nei confronti dell’ambiente. Noi abbiamo immaginato una tecnica di desalinizzazione economica, semplice ed energeticamente efficiente. Il sistema si basa sul ciclo dell’acqua con l’evaporazione e la sua ricaduta attraverso la pioggia”.

L’azienda israeliana ha creato quella che definisce una “scatola meteorologica”, che imita e moltiplica i processi atmosferici naturali di evaporazione e condensazione in modo da avere acqua filtrata e pulita da una varietà di fonti come il mare o le falde acquifere salmastre.

L’impianto di Tethys è contenuto in una struttura, simile ad una scatola. Il sole fa evaporare l’acqua sporca presente all’interno della scatola, lasciando i residui sul fondo. Si trasforma in vapore e alla fine gocciola verso il basso, producendo acqua pulita, proprio come quando piove in modo naturale. L’acqua pulita viene quindi raccolta in contenitori. Questo processo, che imita il funzionamento delle nuvole, viene ripetuto quattro volte per massimizzare la quantità di acqua potabile prodotta.

La desalinizzazione di Tethys è un’innovazione tecnologica che consente la rapida costruzione e il dispiegamento di impianti economici, modulari, off-grid (letteralmente “fuori dalla rete” nel senso che non consuma risorse naturali e non inquina) e altamente efficaci alimentati esclusivamente dall’energia solare.

Tethys renderà l’acqua desalinizzata accessibile a milioni di persone che vivono in comunità che semplicemente non possono permettersi di costruire centrali elettriche per alimentare gli impianti di desalinizzazione.

Tethys si è guadagnata il terzo posto, nella categoria Business Venture, al WeWork Creator Awards, la competizione che supporta progetti innovativi e che si è tenuta il 20 giugno a Gerusalemme.

RetweeTech