Booking.com aprirà un centro di innovazione a Tel Aviv

Booking.com, il motore di ricerca leader nel mondo nel settore delle prenotazioni alberghiere online, prevede di aprire un centro di ricerca a Tel Aviv per scoprire nuove tecnologie di intelligenza artificiale che miglioreranno la sua offerta di prodotti.

L’obiettivo del colosso è quello di diventare all’avanguardia nel settore tecnologico, come spiegato da Gillian Tans, Amministratore Delegato di Booking.com:

Le tecnologie emergenti sono capaci di influenzare ciò che gli strumenti possono fare per viaggiare. Cose come chatbots, strumenti per l’apprendimento delle macchine, l’elaborazione della lingua o l’analisi del sentiment sono applicazioni di Intelligenza Artificiale che possono cambiare profondamente il mondo in cui possiamo fruire di un viaggio. C’è ancora molto lavoro da fare, ma vogliamo essere all’avanguardia in queste tecnologie, ecco perché apriamo un nuovo centro di innovazione in uno dei mercati più tecnologici del mondo: Tel Aviv.

La società ha scelto Tel Aviv perché è stata valutata da più di 980.000 utenti di internet come “La seconda città più innovativa al mondo“, secondo un sondaggio del Wall Street Journal. Quindi Tel Aviv è diventata la casa di alcuni dei migliori talenti quando si tratta di applicazioni di intelligenza artificiale.

Le multinazionali come Google, Apple e Intel hanno istituito centri di ricerca e sviluppo in Israele, con 366 centri di ricerca e sviluppo gestiti localmente da società multinazionali, rispetto a circa 250 centri di questo tipo quattro anni fa. Recentemente anche Amazon ha comunicato la volontà di assumere scienziati e ingegneri per i suoi centri di ricerca e sviluppo a Haifa e Tel Aviv.

Tans non ha rivelato ulteriori dettagli o informazioni circa la data di apertura.

RetweeTech