Beersheva: un hub tecnologico nel deserto

Beersheva: un hub tecnologico nel deserto. Beersheva è una antica e leggendaria città nel deserto israeliano del Negev. La città biblica, che viene spesso chiamata la capitale del Negev, è stata considerata a lungo come una città “assonnata”, lontana dal trambusto di Tel Aviv.

Per molti, la percezione della Startup Nation è limitata al centro del paese e all’aerea metropolitana di Tel Aviv. Ma, come spiega Jonah Balfour su un articolo apparso sul The Times Of Israel, ogni visita a Beersheva smentisce questa idea con il primo assaggio di tutte le gru edili che spuntano nel paesaggio. La città è fiorente e ciò è dovuto in gran parte alla presenza di nuove startup tecnologiche. La città sta emergendo come un centro assolutamente moderno per l’innovazione tecnologica.

Gran parte del successo è dovuto alla presenza di uno dei maggiori atenei israeliani, l’Università Ben Gurion, la quale aiuta a portare i giovani e l’energia in città e serve anche come un motore economico che guida le nuove imprese e lo spirito imprenditoriale. Inoltre, sia il governo nazionale che comunale, hanno preso una serie di misure per incoraggiare le imprese ad aprire una filiale in città. Ciò è particolarmente vero per le startup informatiche, ma vi sono anche tantissimi altri brand che stanno per mettere radici in questo luogo magico.

Quindi, quali startup si possono trovare a Beersheva? Ecco 2 esempi:

Tech 7

Questa organizzazione lavora con partner come WeWork per promuovere e creare una forte comunità tecnologica a Beersheba. Tech 7, guidata da Yotam Tzuker e Alon Naftali, crea incontri, workshop, guide e corsi per aiutare i residenti locali, nonché gli stranieri, a capire il potenziale della città nel deserto.

DiACardio

DiACardio è una startup MedTech dedicata ad aumentare l’efficienza, la velocità e l’accuratezza dei processi di imaging cardiaco.  DiACardio sta sviluppando AI-driven, complessi algoritmi per automatizzare gran parte del processo diagnostico legato al cuore. L’azienda, guidata dalla Dott.ssa Noah Liel-Cohen, sta lavorando per integrare questa tecnologia in ogni macchinario venduto sul mercato, aiutando medici e tecnici a diagnosticare e poi trattare le patologie cardiache.

Photo: TheTimesOfIsrael

RetweeTech