Le aziende israeliane che stanno combattendo la fame nel mondo

La crescente crisi alimentare globale significa che presumibilmente aumentare le rese non sarà più sufficiente per soddisfare la domanda. Entro il 2050, si stima che il mondo avrà bisogno di produrre almeno il 50% in più di cibo per nutrire i 9 miliardi di persone. Tuttavia, a causa del riscaldamento globale, i raccolti potrebbero scendere del 25%.

Di fronte a questo problema, alcune società israeliane stanno lavorando per porre fine alla fame nel mondo. Dal 1950, gli israeliani hanno trovato metodi innovativi per nutrire il mondo e far crescere le piante nel deserto.

Ecco 5 grandi aziende che potrebbero contribuire a fermare la fame nel mondo.

1. Tal-Ya

Mentre la scarsità d’acqua affligge da anni i paesi aridi, ad oggi questo non è più un problema per Israele grazie a tecnologie con la Tal-Ya Agricolture Solutions. La società ha sviluppato un sistema per produrre più cibo con meno acqua.

Tra le tecnologie si annoverano: vassoi in plastica riutilizzabili che catturano la rugiada dall’aria, riducendo l’acqua necessaria del 50%. I vassoi, posti intorno alla pianta, durante la notte convogliano l’acqua verso le piante.

Fin dalla nascita nel 2005, Tal-Ya (che significa “rugiada di D-o” in ebraico) ha aiutato agricoltori in Israele, Stati Uniti, Cina, Cile, Georgia, Sri Lanka e Australia.

tal-ya

2. GrainPro

Nei paesi poveri dove le risorse agricole sono scarse, muffe e insetti possono facilmente distruggere i raccolti. GrainPro Cocoon, creato dal Prof. Shlomo Navarro dell’Università Ebraica di Gerusalemme, risolve questo problema. Il Cocoon è una custodia gigante che salvaguarda le colture dagli affamati insetti. Il materiale utilizzato per proteggere le colture è appositamente progettato per il deserto e per le condizioni atmosferiche avverse, come accade per l’Africa e Sud America, dove vi è una carenza di impianti di stoccaggio per proteggere i raccolti.

grainpro

3. NRGene

Riuscite ad immaginare la crescita di una quantità illimitata di grano in mezzo a condizioni climatiche estreme come siccità o calore? L’azienda israeliana NRGene, con sede a Ness Ziona, ha mappato il genoma del grano per un mese. Dopo un attento studio hanno rivelato di essere in grado di ottenere rendimenti più elevati, una migliore qualità del grano con un più alto valore nutrizionale.

nrgene

4. Bio Bee

L’azienda, istituita nel 1984, è specializzata nell’allevamento di insetti utili per la crescita agricola in pieno campo. Grazie al Bio Fly l’azienda vende bombi per l’impollinazione al fine di aiutare il controllo dei parassiti. L’idea alla base del sistema è quello di raggiungere un equilibrio tra i parassiti ed i loro nemici naturali. Se viene raggiunto questo equilibrio, l’irrorazione dei pesticidi potrà essere ridotta al minimo.

5. Akol

L’Agricoltural Knowledge On-Line (Akol), fondata nel 1978, è specializzata nell’aiutare i agricoltori di frutta e verdura e allevatori ad aumentare le proprie produzioni. Il forum online di Akol consiglia agli agricoltori in quale periodo dell’anno sia meglio raccogliere o piantare, come affrontare la siccità, e come monitorare la crescita del bestiame. Nel 2011 l’azienda ha firmato un importante accordo di sviluppo con il gigante dei computer IBM per essere ospitato sul suo “cloud”. Più di recente Akol ha annunciato di voler lanciare una cloud agricolo in Cina, dopo aver firmato un accordo con il suo governo all’inizio di questo anno.

akol

RetweeTech