Argaman Technologies: tessuti antibatterici per somministrare la chemioterapia

Argaman Technologies: tessuti antibatterici per somministrare la chemioterapia. La continua lotta contro i virus e batteri resistenti agli antibiotici non riguarda solo la ricerca di farmaci più potenti. Il focus è prima di tutto prevenire le infezioni.

Ecco perché grandi aziende come Carrefour e una catena alberghiera di lusso in Estremo Oriente stanno esaminando dei particolari tessuti inventati dalla Argaman Technologies di Gerusalemme e prodotte all’interno della sua fabbrica.

La Carrefour Group, una catena di superstore francese con 12.000 negozi in 30 paesi, sta testando CottonX della Argaman, presentato come il primo cotone del mondo 100% bio-inibitore, con una linea di uniformi chiamata “L’uniforme che si preoccupa”.

L’ingegnere tessile Jeff Gabbay, fondatore e CEO di Argaman e inventore di CottonX, ha guidato il team di ISRAEL21c in un tour esclusivo della fabbrica, dove da particelle di ossido di rame vengono estratte con una particolare tecnologia fibre di cotone, utilizzando una tecnica rispettosa dell’ambiente.

Il 95% dei batteri e dei virus viene ucciso in pochi secondi dopo l’entrata in contatto con l’ossido di rame e i batteri non possono diventare resistenti all’ossido di rame come fanno per gli antibiotici.

Le infezioni acquisite in ospedale costano gli ospedali statunitensi circa 25 miliardi di dollari all’anno. Recentemente è stato completato un test da parte dei centri statunitensi per il monitoraggio delle malattie, controllando l’efficacia di fogli CottonX, federe e pigiami, per ridurre le infezioni acquisite in ospedale. I risultati saranno pubblicati a breve.

Al vaglio anche CopperX una maschera riutilizzabile e confortevole per il mercato della Cina, dove l’inquinamento è un problema importante, afferma Edwin Keh, responsabile dell’Hong Kong Research Institute for Textiles and Apparel.

Questo centro di ricerca senza scopo di lucro, è il risultato del memorandum d’intesa di ricerca e sviluppo firmato da Israele e dalla Regione Amministrativa Speciale di Hong Kong nel febbraio 2014.

Queste maschere uccidono, piuttosto che filtrare i virus.

L’obiettivo è quello di sposare la tecnologia di Argaman con alcuni dei prodotti più utilizzati al mondo come tende, asciugamani e biancheria da letto degli alberghi e molto altro per rendere gli ambienti più igienici.

Antincendio e antirughe

Keh è interessato anche ad altre proprietà di CottonX a parte il controllo dei germi. Incorporando diverse concentrazioni di biossido di rame, inoltre, il tessuto è resistente al fuoco, ed è capace di prevenire le rughe del viso e persino la cellulite.

Tra non molto tempo saranno lanciati anche i calzini CottonX per la prevenzione del piede dell’atleta e delle ulcere del piede diabetico.

Ancora in fase di sviluppo embrionale, ma Argaman sta studiando anche la creazione di indumenti che possano somministrare la chemioterapia transdermica o altri trattamenti farmaceutici.

RetweeTech