Al Technion di Haifa istituito il nuovo Centro per la stampa di tessuti 3D

Technion Haifa Centro stampa di tessuti 3D siliconwadi

Un Centro innovativo per la stampa di cellule, tessuti e organi è stato istituito presso la Facoltà di ingegneria biomedica del Technion di Haifa.

La professoressa Shulamit Levenberg, che dirige il centro, in un comunicato dell’Israel Institute of Technology ha affermato:

“Il nuovo centro è aperto a tutti i ricercatori del Technion e guiderà il dipartimento di ingegneria tissutale di Technion in nuove aree”.

Il settore dell’ingegneria tissutale ha raggiunto enormi progressi negli ultimi decenni e il Technion di Haifa ha svolto un ruolo significativo in questa rivoluzione.

Centro stampa tessuti 3D Technion Haifa

Il lavoro dei ricercatori israeliani

I ricercatori israeliani del Technion stanno sviluppando tessuti artificiali complessi e precisi che migliorano significativamente la loro integrazione nell’organo di destinazione. Questo comporta, tra l’altro, la creazione di tessuti contenenti un sistema sviluppato di vasi sanguigni che si collegano rapidamente ai vasi sanguigni del paziente.

Il Centro per la stampa in 3D di cellule e biomateriali darà un notevole impulso al settore dell’ingegneria tissutale. Il centro gestisce una stampante innovativa che stampa impalcature tridimensionali e le cellule che crescono in tessuto.

La stampante traduce le informazioni ottenute dalle scansioni di tomografia computerizzata (TC) del paziente in tessuto tridimensionale adatto all’area interessata dalla lesione.

Il sistema dispone di strumenti aggiuntivi per progettare impalcature o cellule per realizzare tessuti 3-D

Technion Haifa centro stampa di tessuti 3D

La prof.ssa Levenberg ha spiegato:

“È possibile progettare come si desidera e seminare le cellule con l’orientamento corretto per consentire loro di organizzarsi meglio nella giusta struttura tissutale”.

La stampante 3D è rilevante per tutte le aree della medicina rigenerativa e rende possibile la stampa di vari tessuti e l’integrazione di sistemi a rilascio controllato. Ha diverse testine di stampa, consentendo la creazione simultanea di tessuto stampato da materiali diversi.

Dotata di motori precisi, la stampante ha una velocità variabile e precisione di 0,001 mm, oltre a una fotocamera integrata che migliora l’esattezza dell’ago di stampa.

Il sistema è adatto per un’ampia gamma di materie prime, come idrogel, materiali termoplastici e unguenti, con controllo preciso della temperatura e della radiazione (da 0 a 70 gradi Celsius e da 30 a 250 gradi Celsius e radiazioni ultraviolette). La stampa può essere effettuata direttamente nel piatto di coltura.

Credit foto Israel Institute of Technology

RetweeTech